budoiameteo.it - MeteoMasarlada
Budoiameteo.it

Stazione meteo Davis 6162 wireless Vantage Pro2 plus
Situata in località Dardago, comune di Budoia (PN) altitudine s.l.m. 170 mt.
Latitudine:N  46° 3' 9'' - Longitudine: E 12° 32' 23''

CRONACA METEO DI BUDOIA DEL MESE DI GENNAIO 2018

Esauritasi la fase fredda ad opera di correnti artiche che ha caratterizzato il mese di dicembre, l’anno appena iniziato si propone con una prevalenza dell’alte pressioni che diventano dominatrici incontrastate, soprattutto nelle ultime due decadi.

ANDAMENTO TEMPERATURE

TEMPERATURA MEDIA MENSILE = +6,2°C - media 1981-2010 = +3,5°C - scarto +2,7°C

TEMPERATURA MEDIA MINIME = +3,3 °C - media 1981-2010 = -0,3°C - scarto +3,6°C

TEMPERATURA MEDIA MASSIME = +10,1°C - media 1981-2010 = +7,4°C - scarto +2,7°C

Il rinforzo del vortice polare, soprattutto a livello stratosferico iniziato con i primi del mese, ha posto una seria ipoteca sulle condizioni di mitezza che hanno caratterizzato il mese corrente. Solo nella prima decade del mese un paio di affondi perturbati apportano precipitazioni abbondanti provocate da ventilazione sciroccale che nelle nostre alpi accrescono l’accumulo di neve come non accadeva da anni. Le temperature di conseguenza risentono in positivo di questa situazione e schizzano ad oltre due gradi e mezzo sopra la media del periodo. Per entrare nella cronaca, la minima del mese viene segnalata il giorno 15 con -0,2°C, mentre la giornata più fredda in assoluto si registra il giorno 3 con 3,5°C di media. La massima del mese viene registrata il giorno 08 con 12,8°C e sempre nello stesso giorno si verifica la giornata più calda del mese con una temperatura media di 11,6°C.

ANDAMENTO PRECIPITAZIONI

Due eventi perturbati sono stati sufficienti per determinare un surplus precipitativo nel mese di gennaio. In totale sono caduti 87,8 mm contro una media di 48. L’evento più intenso e degno di nota si è verificato tra il giorno 07 ed il giorno 09 causa un affondo freddo che si riversa sulla Spagna ed investe prevalentemente il nostro Nord-ovest. Le correnti sciroccali provocate dall’azione dell’aria fredda riversatasi sul mediterraneo occidentale, provocano precipitazioni importanti su Piemonte e Valle d’Aosta. Causa il grosso volume di neve caduta il grado di pericolo valanghe sale a 5 nonchè Cervinia e zone limitrofe rimangono isolate per l’accumulo di oltre due metri di neve cadute in 48 ore. Anche nella nostra area dei Nord-est cadono oltre 60 mm e nelle Dolomiti il manto nevoso accresce notevolmente. Il giorno più piovoso del mese risulta essere il 09 con 32,4 mm cumulati.

Nevicata del 8 e 9 gennaio a Cervinia

La poderosa nevicata dell' 8 e 9 gennaio che ha sepolto Cervinia sotto 2 metri di neve caduti in appena 48 ore