budoiameteo.it - MeteoMasarlada
Budoiameteo.it

Stazione meteo Davis 6162 wireless Vantage Pro2 plus
Situata in località Dardago, comune di Budoia (PN) altitudine s.l.m. 170 mt.
Latitudine:N  46° 3' 9'' - Longitudine: E 12° 32' 23''

Riassunto meteo dell’anno 2017

ANDAMENTO TEMPERATURA MEDIA

TEMPERATURA MEDIA DEL 2016 A BUDOIA = 13,9°C - media del trentennio 1980-2010 = 13,5°C

Andamento rispetto alla media 1980-2010 della stazione meteo di Aviano = +0,4°C

Anche l'anno appena trascorso rispecchia perfettamente l'andamento climatico di quello precedente. La temperatura media del 2017 sono identiche a quelle del 2016 anche se ottenute con differenti modalità. Di seguito una breve cronaca degli eventi salienti dell'anno.

La partenza piuttosto glaciale di gennaio lasciava presagire ad un andamento climatico in controtendenza rispetto agli anni precedenti, visto che la temperatura media di gennaio è stata influenzata negativamente da un incursione di aria gelida continentale al punto che la temperatura media del mese ha fatto segnare un -2,3°C . Ma la parte centrale dell'anno è stata contraddistinta dall' ingerenza di numerosi anticicloni spesso di matrice africana che hanno mantenuto le temperature sopra media, ma anche provocando purtroppo preoccupanti deficit pluviometrici che hanno colpito con maggior veemenza in nord-ovest ed il sud-Italia. Inutile ricordare le conseguenze dirette al comparto agricolo che ha subito danni vistosi alle produzioni. Restando in tema di produzioni agricole a rincarare la dose quest'anno sono intervenute le gelate tardive, che sopratutto nella pianura Padana hanno provocato gravi perdite (non solo per quest'anno) alle produzioni frutticole e vinicole. A provocare questa calamità è stata una colata di aria fredda convogliata direttamente dalle pianure Russe, che ha provocato numerose nevicate nelle aree della mitteleuropa, Germania compresa, ma che nel contempo ha investito per un paio di notti la pianura Padana facendo crollare le temperature minime di 2°C-3°C al di sotto dello zero, ma trovando le piante in piena fioritura per effetto di un precedente anticipo della primavera, ha provocato danni ingenti. Comunque la protagonista della parte centrale dell'anno sono state le alte pressioni che solo da metà autunno finalmente hanno lasciato il posto ad una certa dinamicità climatica, le temperature sono state leggermente inferiori alle medie e la piovosità ha ripreso il suo corso consentendo alle falde freatiche di riprendere tono. Sicuramente un clima che più si addice alle nostre latitudini, tramite il quale abbiamo impostato le nostre abitudini quotidiane e disegnato i nostri stili di vita.

ANDAMENTO TEMPERATURE MINIME

La minima assoluta dell’anno si registra l' 11 gennaio alle ore 07.35 con una temperatura di -8,6°C. I giorni con temperature minime sotto lo zero sono stati 42, esattamente il doppio rispetto a quelli dell'anno precedente sopratutto merito del mese di gennaio che di giorni con minime sottozero ne conta ben 28. La giornata più fredda ovviamente si verifica anch'essa nel mese di gennaio e precisamente il giorno 7, con una media di -4,3°C e quando anche la percezione della tempertura si fa ancora più cruda in quanto l'interazione del freddo con il vento ne fa aumentare la percezione sino a -12,4°C. Siamo in piena irruzione fredda quando le correnti che giungono dalla Siberia irrompono in val padana e si viene a creare un cuscino di aria fredda che resiste per tutto il mese. Non si registrano giornate di ghiaccio, ovvero situazione che si verifica quando anche la temperatura massima durante il giorno non supera lo zero. 

fulminazione ripresa dalla webcam di Budoiameteo durante un temporale estivo

ANDAMENTO TEMPERATURE MASSIME

La massima assoluta dell’anno 2017 si registra l’04 agosto con una temperatura di 36,6°C. La giornata in cui la percezione del caldo è stata maggiore ovvero, quando alla temperatura si è combinato anche l’effetto umidità (afa), è il 02 agosto con 48°C percepiti. Le giornate totali con temperature superiori a 30°C sono state 45, in linea con quelle dell'anno scorso e le notti con temperature superiori a 20°C, 42. Le ondate di calore di matrice sub-Sahariana sono state prevalentemente 3. Una nel mese di giugno e due nel mese di agosto, ma in certe regioni italiane si sono batutti alcuni record del caldo che resistevano da molto. Nnella zona tra la Romagna ed il basso Veneto la colonnina di mercurio, sopratutto nelle ondate di calore di agosto, ha superato i 40°C, è il caso di Ferrara che ha registrato nei giorni 3 e 4 agosto, 40°C.

ANDAMENTO PRECIPITATIVO

L'annata del 2017, come avevo precedentemente riferito, in Italia viene riportata alle cronache per un annata siccitosa. Molte zone del nord-ovest Italiano e del centro-sud, per effetto dell'insistenza delle alte pressioni per buona parte dell'anno, lamentano un deficit pluviometrico al punto tale da imporre le autorità locali a prendere misure di ristratezza.Anche la nostra zona per certi versi si trova quasi nelle stesse condizioni, per buona parte dell'anno, sin quando a partire dal mese di settembre con una cetra gradualità si sono ripristinate le correnti umide Atlantiche che hanno consentito il ripristino ddelle condizioni di normalità.  L’accumulo totale di pioggia si attesta a 1643,4 mm, che rappresentalo il 15% in più della norma . I giorni con pioggia sono stati 100, quindi più pioggia rispetto l'anno precedente ma concentrata in meno giornate, per l'esattezza ilo 10%  in meno. Il giorno più piovoso è stato il 27 aprile con 106,6 mm caduti. Il maggior quantitativo di pioggia caduta nelle 24 ore si misura a cavallo tra il 05 e 06 novembre con 131 mm caduti. Aprile il mese più piovoso con 242 mm caduti, di contro nel mese di gennaio cadono appena 48 mm.